Radio24 | Il Sole 24 ORE

Soglie “gialle”: voci di incontri d’autore

“Lo senti il vento? Questo vento caldo in pieno inverno, che scuote le imposte pure al pianterreno. Scirocco. Sempre lo scirocco…” (M.Di Giovanni)

“-Carabinieri? -Sì, dica.  -Venite a contrada Spanò, al numero 46  -A fare che? -Voi venite che io vi aspetto. 

Poi c’era stato il clic del riaggancio: la voce era di donna, una voce stanca, un po’ansante, forse di persona avanti con gli anni.”  (M.Oggero)

L’ incipit di un libro o di un mini-racconto – o anche l’attacco di un buon articolo – l’ho sempre considerato come l’ingresso in una casa nuova: in un solo sguardo, la luce, l’ odore, i colori e le forme parlano di quelle mura e delle persone che le abitano. Sono la prima soglia – per dirla col saggio di G.Genette (scoperto e amato ai tempi dell’Università grazie ai seminari di Grammatica Greca e Latina) – aperta verso una dimensione intima. Che lo diventa ancora di più, se si aggiunge la voce: la possibilità di ascoltare un testo dalla bocca di chi l’ ha concepito e scritto.

Raffaella Calandra, Paolo Roversi

Anche questo sono le Storiacce d’autore di Radio 24 (domenica 15 e 22) in collaborazione con Milano Nera di Paolo Roversi – come ho detto sabato a Suzzara, al festival Nebbia Gialla. Sono incontri- personali e diversi per ciascuno- con gli scrittori conosciuti attraverso i loro best-seller, nei tratti dei loro protagonisti. A Nebbia Gialla, sono state registrate molte nuove Storiacce (un’ anteprima per voi dello “Scirocco di Francofonte” di Maurizio Di Giovanni, in onda domenica 13 febbraio) e molti si erano già confrontati con un microfono a cui affidare il proprio fiato e aprire ancora un’altra soglia, verso i lettori-ascoltatori. Anche registrare le Storiacce è di per sé un “incontro ravvicinato” con uno scrittore: c’è chi preferisce leggere seduto, chi in piedi, chi suda e chi invece non sembra neanche leggere-tanto riesce a dare vita a quella scena descritta. Le Storiacce che ascolterete vi faranno conoscere molto degli autori. Saranno come un appuntamento dopo una lunga corrispondenza. Oltre a Maurizio Di Giovanni, riascolterete Margherita Oggero, ma vi preannuncio anche Vins Gallico, Diana Lama, Maurizio Blini, Patrizia Debicke, Giancarlo Oliani e altri ancora che scoprirete mano mano.