Radio24 | Il Sole 24 ORE

Io, vittima di bici contromano

Mi è piombata addosso. Senza rendermene conto. E da tre mesi, sono alle prese con fisioterapia, esercizi, ortopedici. E senza (quasi) i tacchi. Alle bici contromano, dico no.
Perché abbiamo l’esigenza di autorizzare una confusione ancor maggiore nelle nostre strade? La notizia del via libera alle due ruote di circolare anche contromano mi ha fatto arrabbiare. Per i ciclisti, per i pedoni e pure per chi va in auto. Il fatto di non avere un motore e di andare più piano non vuol dire che le bici -in contromano- non rappresentino un pericolo. Per sé, appunto, per chi va a piedi -che é sempre di più trascurato- e pure per chi è al volante, che suo malgrado potrebbe ad esempio far cadere un ciclista contromano in una curva.
A me é capitato sotto casa, in una stretta e silenziosa stradina del centro di Milano. Dove quindi la velocità è ridotta e tanti i pedoni. Stavo scendendo dal marciapiede, quando all’improvviso ho sentito un dolore fortissimo alla caviglia. Non riuscivo a stare dritta. Convinta ad andare al prontosoccorso, dopo ore di ghiaccio, ho avuto una fasciatura per quasi un mese. Con cui sono andata in trasferta anche al Giglio. Da allora, esercizi, fisioterapia e appunto-ahimé- ancora scarpe basse. Con un dolore, non ancora svanito. Tutto, per una sciura che veniva contromano in bicicletta. Silenziosamente, quanto distrattamente. E mi ha preso in pieno. Tutto per non allargare il giro e rispettare i sensi di marcia. Ne sentiamo cosi tanto il bisogno di questa deregulation? E soprattutto, visto che le bici cmq già lo fanno, autorizzarlo anche non creerà una confusione pericolosa nelle strade? A tutela- lo ripeto- anche degli stessi ciclisti. Come me, quando riprenderò ad andare in bici. Ma prima, risalirö sui tacchi!

Ps E i danni- materiali, per le spese, per i rallentamenti sul lavoro e poi morali, per non aver messo le scarpe che volevo, ad esempio, chi li paga? Siamo sicuri di voler dare il via libera alle bici contromano? Perché invece non creiamo semplicemente più piste ciclabili?

Condividi questo post