Radio24 | Il Sole 24 ORE

Diconodioggi, il blog dei giorni narrati

“Il 16 gennaio, alle sei e trenta, il Marchica uccise (…)  Salvatore Colasberna. Ma ci fu un intoppo nell’incontro, a metà della via Cavour, mentre il Marchica fuggiva, col suo concittadino Paolo Nicolosi, il quale nettamente lo riconobbe, e anzi lo chiamò per nome”.

Ci riporta nel Giorno della Civetta, il giorno di oggi. In un momento cruciale del celebre romanzo di Leonardo Sciascia, scritto per raccontare una “mafia che insomma  altro non è che una borghesia parassitaria, una borghesia che non imprende, ma soltanto sfrutta”, per dirla con le stesse parole dello scrittore siciliano. E se questo giorno ci conduce nella Sicilia del 1960, quello successivo potrebbe catapultarci ovunque altro la letteratura citi quella data. Ogni giorno il suo libro. Ogni giorno, la sua storia. Il suo autore. E ora anche un gioco letterario, diventato un appassionante blog diconodioggi. Dopo essere stato un libro, che incuriosì pure Umberto Eco: Il gioco dei giorni narrati.

E’ un blog particolare, diconodiggi. Sottotitolo: “Era una notte buia e tempestosa. Va bene. Ma in quale data?” Un blog  aperto da Antonella Sbrilli, docente alla Sapienza., insieme a Daniela Collu.

Un blog sui numeri, i libri e i rebus, in un certo senso- altra grande passione dell’ideatrice di diconodioggi. Perché di nuovo ci sono cifre e lettere non per svelare una parola nascosta, ma per comporre – stavolta- “uno stradario di date”, secondo il gioco delle Vie del Tempo lanciato da Stefano Bartezzaghi sulla Stampa anni fa.

A quale libro, autore o contesto è associata- ad esempio- la vostra data di compleanno? Io è la prima cosa che ho chiesto ad Antonella Sbrilli, quando l’ho conosciuta. E ora se la memoria non mi inganna, mi citò un passaggio dei Promessi Sposi (per verificarlo dovrò aspettare ancora molti mesi).

“E’ il tempo inventato degli scrittori”, quello che questo blog vuole far srotolare davanti ai nostri occhi. Quello dei giorni “immaginati, che scorrono nella letteratura” e che “si sovrappongono al tempo reale”. E come in un  calendario dell’avvento, o come nella ricerca del “santo letterario da festeggiare”, ogni giorno – cliccando sul blog – apriamo una finestrella.

Per ricevere le citazioni (o anche e -ccitazioni, visto che abbiamo a che fare con giocolieri della parola) quotidiane e divertirci un pò. Tra il tempo della letteratura. E quello della realtà.