Radio24 | Il Sole 24 ORE

Acido contro le donne

In pochi secondi, si mangia il viso. Corrode i tratti e può condannare alla cecità. In pochi secondi, può aggredire più di una coltellata: lanciare l’acido muriatico contro una persona vuol dire sfigurarla.
Questo desiderava chi ha voluto e ordinato l’aggressione dell’avvocatessa Lucia Annibali a Pesaro; questo voleva chi si è scagliato contro una donna incinta a Oggiono, vcino a Legnano. Questo forse desiderava anche chi ha progettato l’agguato ad un uomo, stavolta, a Roma. Nel giro di qualche settimana sono già almeno tre i casi di acido muriatico usato come arma, scagliato contro la propria vittima, importazione di metodi feroci in voga soprattutto ad altre latitudini. Ma drammaticamente sempre più diffusi in tutto il mondo.
Sono 500mila ogni anno, infatti, secondo i dati dell’ Acid Survivors Trust International, le persone sfigurate nel mondo. E l’80% delle vittime sono donne. Praticato in molti Paesi musulmani, il ricorso all’acido è sempre più diffuso nell’America Latina, a quanto denunciano associazioni in difesa delle donne. In Colombia, nel 2011 sono state 42 ad aver denunciato aggressioni. E’ questo il Paese col triste record di donne sfigurate, qui dove il reato è punito come qualunque aggressione personale, anche se di recente sono state aumentate le pene, anche grazie alla sensibilizzazione di vari comitati.
Ora anche in Italia si ricorre all’acido, per fare male il più possibile. E con meno rischi. E anche qui, come il più delle volte succede nell’aree più estremiste di certi Paesi musulmani, gli agguati sarebbero maturati all’interno delle famiglie o comunque all’interno della cerchia degli affetti.
E’ disumano ed è pure vile aggredire una donna con l’acido. O anche un uomo, perché aumenta anche lo stalking femminile e le violenze per mano di donne. In ogni caso, è drammaticamente preoccupante quello che sta succedendo.

Qui un video dell’associazione  Asti Acido contro le donne

Partecipa alla discussione

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ultimi commenti

  • Ray Ban Sunglasses 17 settembre 2014 / ore 08:39

    f

  • raffaella 10 maggio 2013 / ore 21:54

    Ancora un’altra donna aggredita con l’acido a Vicenza da due uomini incappucciati, venerdì 10 maggio. E’ un drammatico effetto emulazione, come molti dicono? Riflettevo anche sul valore simbolico dell’acido. In Calabria, lo fanno bere alle donne che tradiscono. Ve ne parlero (di nuovo su altro aspetto), sabato 11 in ACiascunoIlSuo (8.30), ma anche qui in Storiacce blog