Radio24 | Il Sole 24 ORE

Se la mafia diventa marchio del made in Italy

bellamafia

 

LABELLAMAFIA. Come dire, Bella Napoli; o Bella ‘Imbriana, come suggerirebbe Pino Daniele? E’ la Bella Mafia, invece. Sì, avete letto bene. Le lettere – tutte maiuscole, tutte vicine, senza spazi su quel cartellone – all’inizio confondono. “No, non può essere”, ho pensato davanti alla vetrina di un negozio americano. Sarà colpa della luce della Florida. Poi ho letto e riletto piano e invece le parole erano proprio quelle: La Bella Mafia.

Succede così che uno dei peggiori mali del nostro Paese – la causa di centinaia di morti, di bombe e ricatti, di affari sporchi e appalti manipolati – diventi invece fuori dai nostri confini un marchio del made in Italy, uno slogan con cui attrarre consumatori, il richiamo a qualcosa di folcloristico. Di italiano, appunto. I Sopranos, il Padrino e tutta la pubblicistica su coppole e cupole ha di sicuro portato la parola “mafia” nelle case di mezzo mondo e di tutti gli americani, soprattutto. Senza però i drammi e la mostruosa tragicità della piovra, giusto per evocare un altra celeberrima serie tv italiana.

Da allora però, mafia è progressivamente diventata quasi sinonimo di Italia (orrore!), con un’accezione addirittura positiva. Bella Italia, bella ragazza, bella Napoli. O bella Mafia, appunto. Un’evoluzione che trovo ancora più assurda e grave dei tour turistici nei luoghi della mafia, organizzati per turisti stranieri o delle serate a base di boss e coppole per stranieri. La normalità con cui la mafia viene esibita sui cartelloni pubblicitari in una città di grande turismo, come Miami, dice purtroppo tanto dell’immagine dell’Italia all’estero. Fatta di bellezza, ma anche di mafia. Indipendentemente da cosa effettivamente si intenda con quella parola. Così gli Stati Uniti ci vedono, come il Paese della “BELLAMAFIA”.

ps. Scusate il silenzio prolungato di Storiacce blog, proprio nei giorni in cui partiva il nuovo sito. Ero un po’ in vacanza, un po’ in trasferta. Ora siamo qua e aspetto tutti voi. Ciao, buona Pasqua!

Condividi questo post

Commenta per primo

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.